Sunday, November 3, 2019

DayStar Solar Scout 60mm SS60-ds

È stato annunciato da poco ma la tecnologia sulla quale si basa è collaudata da tempo: i filtri Daystar sono sul mercato da anni e gliastrofili di tutto il mondo gli usano ottenendo risultati straordinari. Adesso vendono direttamente il filtro con telescopio annesso, una soluzione AllInOne che si addice meglio ai miei usi.
Conquistato quindi dalla fama e dal prezzo più competitivo rispetto ad un PST da 40mm, ho comprato il SolarScout 60mm e ho avuto subito occasione di metterlo in azione, il primo WE dopo il suo arrivo.
Lette le istruzioni (così tanto per fare, perché praticamente non c’è da sapere nulla di particolare), ho attaccato l’alimentazione, atteso il Led verde della sintonia, e puntato il sole.
Oculari e camera di ripresa pronti.
Sapevo che dovevo prima trovare la sintonia corretta, ho iniziato la sua ricerca meticolosa a passi di uno stop della ghiera, cominciando da una parte e arrivando da quella opposta. Ad ogni cambio ho atteso i 3 minuti per avere il Led verde, ed anche altri 5 minuti per cautela.
Risultato di due giorni di prove col cielo limpido ed il sole mai nascosto nemmeno da una nuvola: il nulla. Non sono riuscito a distinguere un cazzo di dettaglio sulla superficie (il Daystar è ottimizzato per la cromosfera) e nemmeno un accenno di sbuffo, fecola, protuberanza, arco… nulla di nulla, solo una palla rossa all’oculare o bianca alla camera (ASI 174 mono, ovvero la migliore per il sole).
Beh diciamo che come primo approccio non ci siamo per nulla.
La cosa che mi ha lasciato il dubbio è il fatto che variando la sintonia, l’immagine non cambiava assolutamente. Ho esperienze diretteci telescopi solari, ed il filtro del PST ad esempio, come quello del Lunt, variando la sintonia, si percepiva chiaramente la differenza nell’immagine, cosa che in questo caso invece, in 2 giorni, non ho mai minimamente percepito. Che sia un modello difettoso?

Wednesday, June 12, 2019

Bilancio Stagionale - NEWS

Questi bilanci mi sono venuti a noia cazzo!!
comunque tanto per aggiornare e far finta di stare dietro sempre al sito…
Settimana scorsa, Martedì 4 per la precisione… ho rinnovato la montatura iOptron. Non l’avevo ancora mai usata… così tanto per rendere l’idea dell’inattività su campo.
Devo dire che va molto bene, non si sentono rumori di sorta, ma va bilanciata perfettamente, è molto delicata in questo.
Il meteo continua a non dare finestre di sereno rilevanti, i pianeti sono sempre oscenamente bassi

Ahh, ho venduto il VMC! Niente popo’ di meno che a Paolo Casarini… in super ottime mani quindi. Vorrei prendere un tele solare già pronto, ma devo prima vendere il PST. Prima o poi…

Tuesday, August 28, 2018

Astrofili, gente strana: bilancio stagionale

La stagione dei pianeti è sempre in corso, c’è ancora un bel marte ad illuminare il cielo serale fino alla mezzanotte, proprio a sud davanti al mio terrazzo
Sono passati prima di lui un Giove basso basso sopra i tetti ed un saturno ancora più difficile.
Faccio un summo di quanto ho catturato dal cielo estivo nel 2018: poco o nulla… no fosse stato per lo starparty degli archeologi, la cosa sarebbe davvero misera.
Risistemato ottimamente il VMC, che doveva fare la parte del leone sui pianeti, alla prova del fuoco mi ha veramente dato poche soddisfazioni, e poverino non per colpa sua, ma perché il cielo è stato impietoso, fornendo un seeing disumano per tutta la stagione. Le volte che ho messo l’occhio a Giove, ho creduto che lo strumento strumento avesse dei seri problemi di collimazione/ottica, ma la prova del 9, ovvero l’osservazione con il 130, ha sempre confermato le pessime condizioni atmosferiche. Un vero peccato. Aggiungiamo il periodo non ottimale per i pianeti e abbiamo il risultato.

Francamente non so che fare.. tenere il VMC per sperare che le cose cambino prima o poi? Le ho solo viste peggiorare da 5 anni ad oggi, inesorabilmente, il che sembra davvero assurdo, ma è così.

Nel frattempo, provata usata e studiata la Heq5, ovviamente non mi ha fatto innamorare. Il goto funziona bene tranne che sui pianeti, chissà perché. fatto sta che ho ripreso una GP-DX. Sono incorreggibile :D :D

Che dire, speriamo che le cose cambino questo inverno

[AGGIORNAMENTO 12/09/2018]
La HEQ5 punta benissimo, basta fare l’allineamento a 2 stelle anziché a 3, hahah
Ma le cose non finiscono qui (in ordine cronologico, nel giro di 3 giorni)
- venduta HEQ5 (a Fabrizio)
- comprata EQ5 (di Fabrizio)
- comprata motorizzazione passo passo per EQ5
- comprata iOptron iEQ45 pro
- messa in vendita o EQ5 o GP-DX (dato il valore economico preferirei la GP-DX, data la qualità preferirei la EQ5)

Ecco, così, giusto per movimentare un po’ le cose…

Wednesday, May 9, 2018

Attese…

Attualmente son sprovvisto di montatura, da quando la sphinx se n’è andata (mi piange sempre il cuore) non l’ho ancora sostituita con altro
In realtà c’è una HEQ5 in arrivo, ma di preciso ancora non so quando
Poco male, tanto il meteo come al solito è pessimo.
Beh, in questi casi gli astrofili fanno due cose:
- comprano e vendono
- piliscono e collimano

Mi sono dato da fare col VMC, ho imparato a smontarlo, pulirlo e soprattutto collimarlo molto bene, resta solo il controllo finale sul cielo, ma quello al momento mi è precluso.

insomma, non vedo l’ora di provarlo! Adesso Giove inizia ad essere comodo ad orari fattibili (verso le 1:00 è al meridiano proprio in questo periodo)

Sunday, April 8, 2018

Pulizie di Pasqua - seconda parte

Ci sono cose che credi non cambieranno mai, te lo senti dentro. Ma poi, inevitabilmente, i propri punti saldi subiscono delle variazioni, in un modo che mai avresti potuto prevedere.
Mi sono tolto poche “futili” soddisfazioni nella vita, ed una di queste è stata avere il top di gamma di qualcosa. Mi sono sempre accontentato, anteponendo la logica all’istinto, rinunciando agli impulsi di pancia preferendogli il ragionamento di testa.
Tante volte tranne quella in cui decisi di comprarmi la montatura dei miei sogni, ovvero la Vixen Sphinx SXP. Una cifra irragionevole se paragonata alla concorrenza, ma una soddisfazione immensa ad usarla e anche guardarla.
Beh, adesso qualcosa è cambiato… gli anni sono passati, forse le voglie e gli interessi sono puntati ad altro, fatto sta che il mio punto fermo che recitava pressappoco “questa sarà la mia montatura della vita” è cambiato in “questa è stata la mia più bella montatura, ma adesso è tempo di qualcos’altro”.
È ormai un po’ che ho allentato le redini, non sono più assiduo fotografo e osservatore del cielo, gli strumenti sono cambiati e le esigenze di “potenza e precisione” sono trasformati in “basta che faccia il suo che andrà benissimo”.
Da qui la decisione di vendere la mia bellissima ed ineguagliabile SXP per far posto, forse, ad una più comune e senza anima HEQ5, perché questa è l’ideale per lasciarla li pronta all’uso, ben protetta ovviamente, ma in una condizione che mai avrei riservato alla mia amata.
I tempi passano e le cose cambiano, ahimè proprio tutte, per fortuna ;)