Oculari Meade Plössl serie 3000^2

Published by Lantaca on Thursday, August 27, 2015

Ho avuto il piacere di avere quasi tutta la serie di questi oculari, ero sprovvisto solamente della focale più lunga.
Dei 3000 ne esistono 2 versioni: la prima è costituita da barilotti di metallo neri lisci con scritte incise verdi sul bordo, mentre la seconda presenta, almeno per le focali più lunghe, una parte zigrinata, oltre ad avere per tutta la serie il paraluce in gomma. Altra piccola differenza per le focali di 5 e 6.7mm è la presenza di un pozzetto, ovvero togliendo la parte in gomma di scopre che la sommità dell’oculare non è liscia, ma ha un rialzo sul bordo.
Personalmente, per gusto estetico e pratico, preferisco la prima serie, poiché la trovo più elegante e trovo che il pozzetto per le focali corte sia una scomodità ulteriore, vista la esigua estrazione pupillare di cui godono.

3000.jpg

3000_2.jpg

meade_plossl_3000_serie_0.jpg Lo schema ottico è quello di Plössl, caratterizzato da un campo apparente di circa 47° e di una estrazione pupillare, come dicevo, minore rispetto ai rivali con schema Abbe.

Ho potuto testare le focali di 5, 6.7, 9.5, 16 e 25mm. con uno SC C9.25 e con un rifrattore acromatico 70/500. Per paragone ho utilizzato dei Vixen LVW di focali analoghe.

Nel blog sono riportati i report delle singole prove, quindi è inutile ripetere come sono stati condotti i test o le specifiche esperienze delle varie serate. Qui mi limiterò a trarre le conclusioni generali.

Sono oculari eccezionali: La resa è veramente elevata e possono essere considerati oculari definitivi a patto di accettarne le caratteristiche, ovvero un campo inquadrato inferiore ai 50° quasi totalmente sfruttabile, ed una bassissima estrazione pupillare.
Mediante l’uso di una lente di barlow classica il secondo problema può essere mitigato, ma essendo lo schema e lo scopo dell’oculare concepito per cercare di avere meno lenti possibile, appare un controsenso aggiunge vetro altrove.
Sono oculari quindi che si impiegano bene in un utilizzo in alta risoluzione, dove non importa avere tanta insalata di contorno.
La mia personale collezione è stata venduta in blocco ad un astrofilo “collezionista”, infatti essendo fuori produzione, sono oculari che rientrano anche nelle logiche di mercato vintage che attrae molti astrofili dai 35 in su…

Concludendo:
se state cercando un oculare dalla sera cromatica neutra e dall’alto contrasto in asse, con una focale compresa tra 9 e 5mm questo potrebbe fare al caso vostro, le focali da 16 in su hanno meno senso a parere mio, meglio un buon grandangolare.

meade_plossl_3000_serie_1.jpg meade_plossl_3000_serie_2.jpg