Sunday, September 20, 2015

Vixen ED130SS - Test (terza parte)

Finalmente ho trovato il tempo per fare 3 foto ad un ammasso stellare, in modo da calcolare la focale del telescopio in maniera inequivocabile
Punto l’ammasso M11 e scatto 3 foto, una per ciascuna configurazione ottica e faccio la riduzione astrometrica con astrobin, senza toccare in alcun modo le immagini ottenute dalla Canon (solo i livelli)
Beh, il risultato mi conferma la prima valutazione fatta su saturno
Focale doppietto: 952mm
Focale con riduttore originale: 861mm
Focale con riduttore 0.67x: 638mm (ovvero 952*0.67)
Perfetto, adesso lo so e anche chi legge finalmente lo sa e può dormire tranquillo.

Tuesday, September 1, 2015

Vixen ED130SS - Test (seconda parte)

Quella della focale effettiva del telescopio è un piccolo mistero.
I dati di targa del telescopio dicono: 130/860
Ovvero la focale è di 860mm
Avendo questo telescopio una lente di correzione posta dentro il tubo fuocheggiatore, ma in posizione finale, facilmente rimuovibile, il dubbio nasce: la focale dichiarata si riferisce al quella del telescopio con il correttore o senza? la presenza del correttore varia la focale del telescopio?
Queste domande nascono anche dalla considerazione che un telescopio rifrattore con rapporto focale 6.6 corretto nella cromatica tale da dichiararsi ED (e la prova su campo conferma la sua Apocromaticità) è un telescopio molto particolare, sicuramente di difficile (quindi costosa) realizzazione. Quindi è facile immaginare che il doppietto abbia una focale più lunga, tipicamente di f/7 o più, e che la lente correttrice riduce ai valori dichiarati.
Su internet non si trovano informazioni ufficiali a riguardo tranne in due casi, da prove fatte da due privati. Uno dichiara una focale di 1078mm, l’altro, più verosimilmente, una focale di 960mm.
L’astrofio Casarini invece sostiene che la focale del telescopio sia di 860 senza la lente.
Mi sono quindi preso la briga di cercare di misurarla. la prima prova l’ho fatta riprendendo Saturno e misurandolo con WinJUPOS. La serata non presentava un grande seeing quindi c’è una certa imprecisione nel risultato, ma il responso ha dichiarato una focale di 940mm
Non contento ho fotografato la luna con diverse configurazioni:
- A fuoco diretto, ovvero inserendo la fotocamera nel focheggiatore senza usare nessuna lente correttrice
- Con correttore originale
- con correttore/riduttore Vixen VX3666 0.67x

Il risultato, ad una analisi veloce, sembra molto chiaro: applicando la lente correttrice, la focale viene ridotta.
Analizzando infatti le immagini appare abbastanza evidente che la prima è sensibilmente più grande della seconda. La cosa è decisamente più marcata nella terza foto, dove la luna appare la più piccola del terno.
Oltre alla grandezza però, c’è da considerare anche l’aumento della luminosità della foto.
Per i tre scatti sono stati usati i soliti parametri, ovvero 100ISO e 1/125s. Data la totale assenza di nubi o velature, la luminosità registrata è effettivamente quella imposta dalla luminosità fotografica dell’obbiettivo. Essendo la seconda immagine, quella con lente correttrice originale, più piccola ma anche più luminosa, la conclusione, a parer mio, è inequivocabile: la lente correttrice agisce da correttore e da riduttore.

Resta quindi da svelare il mistero della effettiva focale del telescopio.
Per fare ciò, appena ne avrò modo, effettuerò una foto di un oggetto deep sky, un ammasso aperto ad esempio, da caricare su Astrobin e ridurre astrometricamente, così da poter ricavare, inequivocabilmente, la focale di ripresa e togliere una volta per tutte, il dubbio.

get.jpg get.jpg get.jpg

Saturday, March 29, 2014

Star Party del 29/03/2014: Maratona Messier

Dopo tanto attendere finalmente ci siamo ritrovati in tanti presso l’osservatorio, con tempo buono, e in una data favorevole alla famosa Maratona Messier, cioè una nottata in cui si cerca di vedere la più grande quantità di oggetti del catalogo Messier. Queste serate coincidono con gli equinozi, poiché in una nottata è possibile vedere tutta la volta celeste, da quella invernale a quella estiva.
Io mi sono dedicato alla fotografia, concentrandomi su un soggetto, M51, ma provando a fare anche M101, poco distante. A posteriori era meglio se integravo ancora di più su M51, ma pazienza.
Ho finalmente rinnovato il riduttore di focale e devo dire che funziona perfettamente. Controllando a posteriori la riduzione astrometrica offerta dal sito Astrobin, ho calcolato una effettiva riduzione di focale pari a 0,49x, quindi in linea con quanto dichiarato da Optec che certifica uno 0,50x.
La piccola differenza dipende dal sistema di fuocheggiatura del mi strumento: infatti andando a spostare lo specchio primario e quindi variando la distanza tra primario e secondario, la focale effettiva varia, per cui posso affermare che se l’effettiva riduzione è 0.5x, la vera focale del telescopio è 2300mm e non 2350mm.

Analizzando i flat (che ho fatto grazie a Sergio) si nota una certa vignettatura, ma minore di quella data dall’Alangee, e la correzione ottica coincide con la parte maggiormente illuminata, per cui basta centrare bene l’oggetto per avere tutto il campo corretto necessario per moltissimi oggetti, anche estesi.

Invece in fase di ripresa purtroppo non ho curato bene l’inquadratura di M51 e M101, che sono entrambe riprese al limite del campo corretto, e quindi si iniziano a vede gli errori ottici tipici, cioè aberrazioni varie sulle stelle: la prossima volta mi devo concentrare su un solo oggetto e farlo meglio perdendo un po’ di tempo per perfezionare questi difetti.
Inoltre l’appetito vien mangiando e, avendo dovuto buttare due immagini, sto valutando l’idea di fare la famosa modifica del blocco del primario.
Ecco qui i risultati, sono contento di M51 e non mi lamento di M101 anche in relazione alla pochissima integrazione raggiunta.

M51_2014-03-28_C925_f5.png M101_2014-03-28_C925_f10.png

Le foto della serata

Tuesday, February 25, 2014

Optec NextGEN Wildfield 0.5x - [AGGIORNATO]

Ho deciso di cambiare riduttore di focale, vendendo il mio Alangee mark II e prendendo questo Optec NextGEN Wildfield 0.5x.
L’Alan funziona bene, insomma, benino, riesco a ridurre la focale di un fattore 0.55x che non è poco, ma non è un correttore di campo per cui si avverte sempre una certa curvatura ai bordi con riflessi tendenti a coma.
Il sensore reflex è grande per cui è normale che sia così, ma leggendo vari commenti autorevoli, tra i quali quelli di Plinio Camaiti, sono venuto a sapere che l’Optec è un riduttore appositamente studiato per gli SCT f/10 ed i nuovi sensori digitali, cosa che invece non era per l’Alan che era studiato per pellicola chimica.
Visto che l’acquisto era quasi alla pari con la vendita ho deciso di prenderlo.
è molto comodo usarlo in quanto presenta un naso da 2” da inserire nel porta oculari, ma i problemi sono sorti sull’attacco lato CCD.
Sul sito Optec era riportato il codice di vendita dell’articolo anello adattatore per reflex canon. una volta contattati però mi hanno detto che non è possibile usarlo con queste camere perché il back focus in asse del riduttore è di 51mm, mentre il percorso ottico della Canon è di 44mm, a cui va aggiunto quello dell’anello T2 che è di 10mm, per cui, con 55mm di percorso ottico, risulta impossibile usarlo correttamente.

mi sono messo alla ricerca di una soluzione e fortunatamente mi è stato detto che esistono degli anelli T2 con spessore 1mm!!!
Questo risolve il problema, perché il percorso ottico diventa di 45mm, per cui basta fare un adattatore su misura della lunghezza corretta per posizionare il sensore canon a 51mm ed è fatta.
Non vedo l’ora di utilizzarlo!!!

nextgen05_1.jpg nextgen05_2.jpg nextgen05_3.jpg nextgen05_4.jpg nextgen05_5.png

AGGIORNAMENTO
Raccordo fatto come da progetto, adesso aspetto l’anello M48 con baionetta Canon spesso 1mm e posso provare il nuovo setup!
nextgen05_6.png nextgen05_7.png nextgen05_8.png nextgen05_9.png

Tuesday, July 3, 2012

Baader AlanGee Mark II

Nuovo accessorio per i miei tubi: un bel riduttore/spianatore.
Utilissimo con il C9¼ che ha una focale lunghina, adesso posso raggiungere rapporti di focale minori (circa f/6 ma varia in funzione delle prolunghe che uso) per accorciare i tempi di ripresa deepsky e non avere stelle ablunghe ai bordi del campo inquadrato, ma forse è anche utilizzabile con l’80ED per accorciare ulteriormente la focale, già corta di suo… :-) Dovrò provarlo però.
Stasera lo monto subito e allego foto :D