Sunday, November 3, 2019

DayStar Solar Scout 60mm SS60-ds

È stato annunciato da poco ma la tecnologia sulla quale si basa è collaudata da tempo: i filtri Daystar sono sul mercato da anni e gliastrofili di tutto il mondo gli usano ottenendo risultati straordinari. Adesso vendono direttamente il filtro con telescopio annesso, una soluzione AllInOne che si addice meglio ai miei usi.
Conquistato quindi dalla fama e dal prezzo più competitivo rispetto ad un PST da 40mm, ho comprato il SolarScout 60mm e ho avuto subito occasione di metterlo in azione, il primo WE dopo il suo arrivo.
Lette le istruzioni (così tanto per fare, perché praticamente non c’è da sapere nulla di particolare), ho attaccato l’alimentazione, atteso il Led verde della sintonia, e puntato il sole.
Oculari e camera di ripresa pronti.
Sapevo che dovevo prima trovare la sintonia corretta, ho iniziato la sua ricerca meticolosa a passi di uno stop della ghiera, cominciando da una parte e arrivando da quella opposta. Ad ogni cambio ho atteso i 3 minuti per avere il Led verde, ed anche altri 5 minuti per cautela.
Risultato di due giorni di prove col cielo limpido ed il sole mai nascosto nemmeno da una nuvola: il nulla. Non sono riuscito a distinguere un cazzo di dettaglio sulla superficie (il Daystar è ottimizzato per la cromosfera) e nemmeno un accenno di sbuffo, fecola, protuberanza, arco… nulla di nulla, solo una palla rossa all’oculare o bianca alla camera (ASI 174 mono, ovvero la migliore per il sole).
Beh diciamo che come primo approccio non ci siamo per nulla.
La cosa che mi ha lasciato il dubbio è il fatto che variando la sintonia, l’immagine non cambiava assolutamente. Ho esperienze diretteci telescopi solari, ed il filtro del PST ad esempio, come quello del Lunt, variando la sintonia, si percepiva chiaramente la differenza nell’immagine, cosa che in questo caso invece, in 2 giorni, non ho mai minimamente percepito. Che sia un modello difettoso?

Tuesday, November 26, 2013

Ancora sul rinnovamento del setup astronomico

Gusto per cronaca, dato chel’80ED non c’è più e che il cercatore guida Tecnosky 60/228 risulta un po’ piccolo per guidare bene il C9¼, anche se ridotto, ho pensato bene di separarmene per prendere un rifrattore acromatico SW 70/500, già dotato di anelli decentrabili. C’ho anche guadagnato nello scambio.

Inoltre, avendo venduto anche il riduttore di focale dell’80ED, mi sono preso un buon obbiettivo per la Nikon, un Nikkor 200mm F4 Ai-s, completamente manuale. È ottimo per la fotografia a grande campo, e sulla mia D5000 risulta essere un 300mm. Poi mi metto all’opera per fare il morsetto e metterlo in parallelo al telescopio, evitando di usare il piggy back che sposta il peso da una parte e sbilancia il setup generale.

ath1-annuncio_27420_47386_SNB12609.JPG

ath1-annuncio_27800_48239_DSCN5605.JPG

Monday, June 3, 2013

Astronomicalcentre - panoramica con la nuova cupola

Domenica è stata installata la nuova cupola per cui ci saranno i nuovi posizionamenti dei telescopi. Adesso lo Skyline è professionale direi ;)
Complimenti all’associazione, non vedo l’ora che faccia una serata di bel tempo!

astronomicalcentre_2013-06-02.png